Perché l'economia circolare è la cosa migliore per le imprese - DS Smith

Perché l'economia circolare è la cosa migliore per le imprese

Tutti i segnali lasciano intendere che i clienti acquisteranno di più, gli investitori investiranno di più e i migliori talenti saranno attratti dalle aziende che passeranno all’economia circolare. In qualunque punto ti trovi di questo percorso, noi possiamo aiutarti.

La transizione verso un’economia più circolare porterà grandi vantaggi alle imprese, tra cui: migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento delle materie prime, aumentare la competitività, promuovere l'innovazione, incrementare le vendite e attrarre i migliori talenti nei posti di lavoro appena creati. Per non parlare di quanto allevierà il nostro pianeta dalla pressione a cui è sottoposto.

Coinvolgiamo gli esperti giusti

I clienti che si affidano al nostro packaging a livello globale stanno già affrontando insieme a noi la circolarità, anche se non è detto che quello sia il nostro argomento di conversazione iniziale. Anche se non tutte le aziende saranno dotate di KPI basati sull’economia circolare, si stanno comunque prefiggendo obiettivi strategici, finanziari, di vendita e operativi che le soluzioni circolari potranno aiutare a raggiungere. La sostituzione della plastica, per fare un esempio, è nell’agenda di tutti.

Abbiamo esaminato i vantaggi dell’economia circolare da numerosi punti di vista. Condividendo le nostre competenze possiamo aiutare tutti i tuoi collaboratori ad affrontare sfide e obiettivi di qualunque natura

DS Smith è già un’azienda circolare e siamo perfettamente in grado di fornire tutti i chiarimenti necessari e, collegando la “nostra storia” alla “tua storia”, offrirti una porta d’accesso al futuro circolare.

Marc Chiron
Sales, Marketing & Innovation DS Smith Packaging

Qualcos’altro è in primo piano: il punto di vista dell’esperto dell’approvvigionamento

L’approvvigionamento è in via di evoluzione. Non è più incentrato solo sull’acquisto di prodotti che soddisfino i bisogni immediati dei clienti, ma considera i prodotti e i servizi per tutto il loro ciclo di vita.

Comprendendo il modo in cui un prodotto sarà smaltito fin dalle fasi di progettazione, i nostri clienti possono mettere a punto delle specifiche di approvvigionamento che considerino il costo totale del ciclo di vita e non solo il prezzo iniziale. Questo può fornire un migliore valore commerciale a lungo termine.

Molti dei nostri clienti sono alla ricerca di soluzioni circolari o sostenibili per risolvere problemi ormai di lunga data. Per esempio, quasi la metà degli europei (46%) ha dichiarato di voler utilizzare packaging in cartone o a base di carta al posto della plastica. Ecco, quindi, che per uno dei nostri clienti che vende cibo congelato, refrigerato e a lunga conservazione, abbiamo affrontato questa sfida sviluppando ECO Bowl™, una nuova alternativa più sostenibile che utilizza una vaschetta di cartone ondulato e un sottile rivestimento, riducendo il contenuto di plastica dell'85%. Ma non solo: una volta utilizzati, i materiali possono essere facilmente separati per la raccolta differenziata.

46%

degli europei preferisce il packaging di cartone rispetto a quello di plastica

85%

di riduzione della plastica con la nostra vaschetta ECO Bowl™, più sostenibile

Di più con meno: il punto di vista dell’esperto finanziario

Il passaggio all’economia circolare presenta notevoli vantaggi finanziari. A titolo di esempio, ridurre la quantità di rifiuti derivanti dal packaging e abbattere le emissioni di CO2 può attrarre i clienti e aiutare a mantenerli, garantendo efficienza e risparmi di valore in tutta la tua attività e nella tua supply chain.

Un report della Fondazione Ellen MacArthur rivela che, adottando i principi dell'economia circolare, le imprese di tutta Europa potrebbero condividere un profitto netto di 1,8 trilioni di euro entro il 2030, vale a dire 0,9 trilioni di euro in più rispetto all’attuale percorso di sviluppo lineare.

Secondo l'UE, solo il 5% del valore del materiale di plastica impiegato nel packaging rimane nel sistema economico. Il resto va perduto dopo un primo utilizzo di brevissima durata. Il conto annuale si aggira tra i 70 e i 105 miliardi di euro. Le nostre soluzioni di packaging a base di fibra potrebbero permettere alle aziende di destinare quel denaro ad altre iniziative, come per esempio la lotta al cambiamento climatico.

Le strategie dell’economia circolare consentono anche alla tua azienda di anticipare ed evitare le sanzioni pecuniarie causate da una regolamentazione più severa, come la tassa imposta dal Regno Unito dal 2022 sugli imballaggi in plastica rivolta ai produttori e agli importatori, e il principio di Responsabilità estesa del produttore (EPR), che potrebbero ridurre ulteriormente i tuoi guadagni.

Nel 2023 produrremo packaging 100% riciclabile o riutilizzabile e il nostro obiettivo per il 2030 è la sua totale riciclabilità o riutilizzabilità.
Nel 2023 produrremo packaging 100% riciclabile o riutilizzabile e il nostro obiettivo per il 2030 è la sua totale riciclabilità o riutilizzabilità.

Nei nostri Impact Centres puoi scoprire in quale modo le nostre soluzioni di packaging possono offrire vantaggi economici in termini di sostenibilità per tutta la tua azienda.

Aumentare l'efficienza e ridurre le spese generali: il punto di vista dell’esperto di operatività e logistica

Gli immensi cambiamenti che si sono verificati nel comportamento dei consumatori dall’insorgere della pandemia di COVID-19 stanno ponendo sfide enormi per tutte le supply chain che richiedono modi completamente nuovi di pensare.

Come si possono effettuare più consegne a domicilio, senza riempire le case di packaging superfluo e senza rendere le nostre città più trafficate e inquinate a causa del maggior numero di veicoli in circolazione?

Stiamo riducendo l’impatto del trasporto sviluppando soluzioni per eliminare gli spazi vuoti nel packaging, nello stoccaggio e nella distribuzione e la nostra strategia di sostenibilità “Per il presente. E per il Futuro” ci vede impegnati a ridurre di 250.000 unità i mezzi per il trasporto merci dalle strade entro il 2025.

Anche i minimi cambiamenti possono fare una differenza enorme all’interno del ciclo di approvvigionamento. Basta ridurre di un paio di millimetri le dimensioni delle tue scatole per togliere centinaia di camion dalla strada ogni anno, riducendo le spese generali operative, risparmiando spazio di stoccaggio, tagliando i costi della manodopera e riducendo significativamente i tempi di assemblaggio e imballaggio.

Stiamo riducendo l’impatto dei trasporti sviluppando soluzioni volte a rimuovere gli spazi vuoti nel packaging, nello stoccaggio e nella distribuzione.
Stiamo riducendo l’impatto dei trasporti sviluppando soluzioni volte a rimuovere gli spazi vuoti nel packaging, nello stoccaggio e nella distribuzione.

Ma non stiamo semplicemente togliendo i camion dalla strada. Stiamo anche riducendo l’impatto ambientale dei nostri viaggi. Il nostro nuovo sistema di tracciamento degli automezzi pesanti segue in maniera precisa i movimenti dei veicoli, misura le emissioni di CO2 e l’impatto sugli obiettivi di sostenibilità dei nostri clienti. Possiamo anche usare queste informazioni per definire gli obiettivi e le preferenze per i nostri trasportatori, a cui essi devono dare il consenso prima di essere accettati come fornitori. Scopri maggiori informazioni su quest’argomento dalla Head of Operations di DS Smith Group Logistics, Petra Lippertova.

Ogni singolo passo che si fa verso soluzioni più circolari crea un effetto domino di benefici ed efficienze per tutta la tua azienda.

Wouter Van Tol
Head of Government, Community Affairs & Sustainability DS Smith

L'impatto giusto: il punto di vista dell’esperto di design

Nonostante la pandemia di COVID-19, la nostra recente ricerca Ipsos Mori fa pensare che i consumatori abbiano rafforzato le proprie idee sulla sostenibilità.

  • L’85% vuole acquistare prodotti che utilizzino la minor quantità di imballaggio possibile.
  • Il 29% ha smesso di acquistare determinati marchi perché il loro imballaggio non era sostenibile.
  • Il 46% ha dichiarato di voler utilizzare più packaging in cartone o a base di carta al posto degli imballi in plastica.

Con oltre 700 designer di imballaggi e innovatori, che creano migliaia di specifiche di packaging ogni anno, stiamo aiutando i nostri clienti a creare alternative circolari che aumentino la fidelizzazione e le vendite, mantenendo in uso i materiali e riducendo al minimo i rifiuti. In questo modo i consumatori ottengono il packaging riutilizzabile e riciclabile che desiderano.

Grazie a partnership, come Aquapak e MULTIVAC, abbiamo esteso la nostra capacità di gestire la plastica "difficile da riciclare" trovando alternative circolari, sviluppando oltre 650 progetti incentrati specificamente sulla sostituzione della plastica, con oltre 54 milioni di unità di plastica sostituite solo nel 2021.

Trovare il giusto equilibrio tra proteggere la tua merce e limitare la quantità di materiali utilizzati è una sfida importante per chiunque venda online, con il 39% di tutti gli acquirenti preoccupati per il packaging superfluo. Le nostre soluzioni sostenibili su misura eliminano il void fill (riempimento dei vuoti) e, applicando i nostri rivoluzionari standard del programma PACE, siamo in grado di proteggere i tuoi prodotti assicurando al tempo stesso che non venga utilizzato più packaging di quanto sia assolutamente necessario.

Il viaggio verso un’economia circolare non sarà per forza privo di ostacoli, potrebbe essere necessario scendere a qualche compromesso lungo il percorso, ma per aiutarti abbiamo sviluppato i nostri Parametri del Design Circolare all’avanguardia, che ti mostrano chiaramente le conseguenze delle scelte che adotti nel packaging.

Nessuno desidera creare rifiuti o peggiorare il cambiamento climatico con il proprio lavoro. Nel profondo dell’animo le persone sono portate a fare del bene. Quello che manca è comprendere come fare del bene come azienda. E noi possiamo aiutarti in questo.

Alan Potts
Desing & Innovation Director DS Smith

Proteggi la tua reputazione e riduci il rischio: il punto di vista dell'esperto di brand

Secondo quanto afferma il World Economic Forum, un quarto del valore di mercato della tua azienda può essere direttamente collegato alla tua reputazione. Questo è il motivo per cui l’87% dei dirigenti considera le sfide reputazionali più importanti di qualsiasi altro rischio strategico nella tua azienda.

Anche se costruirsi una reputazione può richiedere decenni, le immagini della plastica con il tuo logo che galleggia sull’oceano (o semplicemente che invade le strade del luogo in cui abiti), possono distruggerla in un attimo.

Stiamo riducendo i rischi delle supply chain eliminando 1 miliardo di articoli di plastica dagli scaffali dei supermercati entro il 2025, sostituendoli con alternative sostenibili a base di fibre.

Il nostro packaging a base di fibre può essere riciclato fino a 25 volte e siamo anche in possesso della certificazione di Catena di Custodia (Chain of Custody, CoC), la quale garantisce che le fibre vergini utilizzate nei nostri prodotti non provengano da aree disboscate.

Inoltre, poiché le tue credenziali di sostenibilità valgono quanto ogni singolo anello della tua supply chain, ci assicuriamo anche che il 100% dei nostri fornitori strategici sia in linea con i nostri impegni di sostenibilità.

Attrarre e tenere con sé i migliori talenti: il punto di vista dell’esperto di risorse umane

Il Parlamento europeo afferma che l’economia circolare potrebbe creare fino a 700.000 nuovi posti di lavoro in tutta Europa entro il 2030. Tuttavia, un report di Price Waterhouse Coopers indica che l’88% dei millennial vorrà lavorare solo per aziende di cui condividono i valori.

Siamo spinti dal nostro obiettivo: ‘Ridefinire il packaging in un mondo che cambia’. È la nostra ragione di essere. È il motivo per cui esistiamo. Racchiude in sé il valore che trasmettiamo a tutti i nostri stakeholder e al mondo che ci circonda. Siamo orientati al futuro e riconosciamo i cambiamenti del mondo in cui operiamo. Il nostro insieme di valori ben definito, inoltre, ci impegna ad avere a cuore i nostri clienti, i nostri collaboratori e il mondo attorno a noi. Offrendo occupazione a oltre 29.000 persone in oltre 300 sedi in Europa e nel Nord America, creiamo un luogo di lavoro di cui le persone sono orgogliose, con un impegno reale a costruire un futuro migliore.

L’economia circolare è il motore chiave che promuove la nostra agenda di innovazione. Stiamo sviluppando innovazioni entusiasmanti che dimostrano come guidiamo la transizione nel nostro settore e offriamo benefici ai nostri clienti, al mondo e alla società.

Marjolein Lem
Group Innovation Programme Manager DS Smith

Raccontaci la tua prossima sfida aziendale. La domanda potrebbe non riguardare l’economia circolare, ma la risposta potrebbe essere proprio quella.