Costruire un ecosistema per realizzare l'economia circolare - DS Smith

Costruire un ecosistema per realizzare l'economia circolare

Stiamo creando una comunità di pensatori radicali e promuovendo nuovi modi rivoluzionari di lavorare in partnership.

La transizione verso l’economia circolare non avverrà da un giorno all’altro, né sarà realizzata da una qualsiasi impresa da sola, senza l’aiuto di nessuno. Sarà necessaria la collaborazione di tante menti brillanti che dovranno agire all’unisono, come mai accaduto prima. Stiamo mettendo noi stessi al centro di una comunità che può riuscire a realizzare tutto questo.

Il passaggio dall’economia lineare a quella circolare non è facoltativo. Il tempo passa in fretta e, per fare in modo che il cambiamento avvenga più velocemente, stiamo costruendo un ecosistema dinamico e diversificato di esperti provenienti dalla nostra stessa azienda, dal nostro settore, dal governo, dalle comunità e non solo.

In DS Smith troviamo soluzioni ai problemi. Siamo costantemente alla ricerca di partner e creiamo rapporti che ci aiuteranno a superare le sfide di sostenibilità a lungo termine.

Alex Manisty
DS Smith Group Strategy Director

Il nostro ecosistema collaborativo
Il nostro ecosistema collaborativo

Trasformiamo il modo in cui lavoriamo

Ci appassiona la collaborazione, condividere idee ed esplorare nuovi modi per innovare e soddisfare i nostri clienti.

Stiamo abbattendo le barriere sia fisiche che amministrative, in modo che il pensiero radicale possa diffondersi nelle nostre sedi, in tutto il mondo. Stiamo creando team di innovazione completamente nuovi e piattaforme virtuali che agevolino uno scambio di informazioni e idee fluido e continuo, dal tavolo da disegno alla sala riunioni, dal deposito di riciclaggio alla cartiera e viceversa. In questo modo, per esempio, si possono esaminare rapidamente e facilmente i nuovi concetti di packaging per testarne la riciclabilità. I progressi tecnici nei nostri stabilimenti possono essere trasmessi direttamente ai nostri team di progettazione per rendere i nostri Principi del Design Circolare (link pagina) ancora più efficaci.

  • Grazie alle piattaforme digitali all’avanguardia, la nostra rete di 700 designer e innovatori diffusa in oltre 30 paesi diversi, può condividere le idee in un istante. Questo ci permette di adottare, adattare e ridimensionare in modo rapido e semplice i concetti di packaging per i nostri mercati locali.
  • Esperti delle nostre divisioni Packaging, Paper e Recycling condividono esperienze e competenze nel nostro Recycling Forum, affrontando questioni come la plastica difficile da riciclare e la legislazione in continua evoluzione. Il Forum si impegnerà anche con i produttori di packaging esterni, i legislatori e le associazioni di categoria per aiutarci a riciclare di più, sprecare meno e sostenere il ruolo che stiamo assumendo all’interno della 4evergreen alliance.

Collaborare per realizzare un cambiamento che duri nel tempo

Siamo diventati un partner strategico della fondazione Ellen MacArthur con l’obiettivo di promuovere il design e l’innovazione per integrare ancora di più il pensiero dell’economia circolare nella nostra attività in modi diversi. Nel maggio 2021, abbiamo festeggiato due anni di collaborazione con le organizzazioni globali della rete della Fondazione, quali Google, Unilever, Renault e il gruppo H&M, condividendo le conoscenze e aiutandoci a portare avanti la nostra agenda di economia circolare per noi e per i nostri clienti.

Durante l’anno passato, abbiamo collaborato a diversi white paper e ad altre pubblicazioni redatte dalla Fondazione, tra cui ‘Financing the Circular Economy’ e ‘Upstream Innovation Guide.’ Inoltre, ci siamo uniti a oltre 50 leader globali, firmando una dichiarazione in cui ci impegniamo a realizzare una crescita migliore dopo la pandemia da Covid-19, ponendo l’economia circolare al centro della ripresa economica. Siamo riusciti a condividere l’esperienza della Fondazione anche con i nostri clienti, come Mondelēz, che ha partecipato con noi a un “Circular Economy Innovation Sprint”, accelerando lo slancio, il coinvolgimento e l’impegno per implementare i principi dell'economia circolare nei loro progetti di packaging.

Siamo lieti di collaborare con DS Smith nei suoi ambiziosi sforzi per promuovere lo sviluppo e l'adozione su larga scala di soluzioni innovative per i clienti. Confidiamo che continuino a essere leader promotori della transizione verso un’economia circolare.

Andrew Motlet
CEO Fondazione Ellen MacArthur

Accogliamo persone o organizzazioni che la pensano diversamente da noi e abbiamo concluso una partnership con World Kinect Energy Services per gestire il nostro consumo energetico con soluzioni tattiche in 26 paesi europei. Migliorando l’acquisto e l’utilizzo dell'energia, aumentando l’efficienza e riducendo gli sprechi nella produzione, siamo stati in grado di alzare l'asticella sui nostri obiettivi ambiziosi volti alla riduzione del carbonio, impegnandoci a raggiungere emissioni Net Zero entro il 2050.

Uniamo le forze con i fornitori

Mentre rafforziamo la nostra posizione come fornitori leader di soluzioni di packaging sostenibili, lavoriamo a stretto contatto con molti partner provenienti da diversi settori per ampliare ulteriormente la nostra offerta.

ClimaCell®, una barriera di isolamento termico sostenibile per merci sensibili alla temperatura come i kit per i pasti, i generi alimentari deperibili e i prodotti medicali.
ClimaCell®, una barriera di isolamento termico sostenibile per merci sensibili alla temperatura come i kit per i pasti, i generi alimentari deperibili e i prodotti medicali.

Sappiamo che la realizzazione dell’economia circolare potrà richiederci sempre di più di riconsiderare e ridefinire i confini delle nostre attività e lo stiamo già sperimentando mentre introduciamo aree di competenza completamente nuove, come la robotica.

Collaboriamo con i nostri clienti

Le partnership ci permettono di sviluppare un packaging che aiuti i nostri clienti a vendere di più, ridurre i costi, gestire i rischi ed essere pronti per l’economia circolare. Le nostre relazioni ci hanno permesso di sviluppare profonde conoscenze del settore e dei clienti, e possiamo vantare collaborazioni efficaci con alcuni che durano da oltre 20 anni.

Oggi sosteniamo molti dei nostri clienti che costruiscono la sostenibilità direttamente nei loro modelli di business.

  • Abbiamo collaborato con il fornitore specializzato in packaging per fiori e piante Koen Pack nella realizzazione di un modello a ciclo chiuso, completamente verificabile e tracciabile, che trasforma in nuove scatole il 100% del cartone riciclato di Koen Pack nei Paesi Bassi.
  • Per Laithwaites Wine, abbiamo presentato un modello a ciclo chiuso completamente tracciabile per il loro cartone che arriva presso il loro centro di distribuzione, eliminando la plastica e mantenendo più di 1.000 tonnellate di imballaggi di cartone nel ciclo di approvvigionamento il più a lungo possibile.

Molti dei nostri clienti sono alla ricerca di soluzioni sostenibili per raggiungere i loro obiettivi di sostenibilità e superare grandi sfide: sostituire la plastica, eliminare il carbonio dalle supply chain o passare a soluzioni di riciclaggio più efficienti. Le domande che ci vengono poste non sempre riguardano direttamente l’economia circolare, ma spesso lo sono le risposte.

Collaborando con DS Smith, utilizziamo i nostri scarti di cartone come materia prima per nuove scatole, preservando le risorse naturali e riducendo la CO2. Questa soluzione soddisfa la nostra visione di trasformare il 100% dei nostri rifiuti in nuovi prodotti.

Robert Kooyman
Koen Pack KAM-Coordinator

Con una visione ancora più lungimirante abbiamo lanciato “FuturesProofing”, un’emozionante esperienza digitale per i nostri clienti, che possono così testare la loro strategia di business, di prodotto e packaging per il futuro. Insieme ai nostri esperti di packaging, i clienti possono esplorare potenziali mondi futuri, dagli scenari climatici che inducono ad assumere nuove abitudini alimentari e alla richiesta di packaging riutilizzabile, fino agli scenari di deforestazione che comportano flussi più circolari di materiali ed energia. Durante il prossimo anno inviteremo più clienti a partecipare a questi workshop.

Stiamo inspirando la prossima generazione

Come parte della nostra strategia di sostenibilità “Per il Presente. E per il Futuro”, ci siamo impegnati a coinvolgere 5 milioni di persone nell’economia circolare e negli stili di vita circolari entro il 2030. Raggiungeremo questo obiettivo utilizzando i nostri programmi comunitari e diffondendo piani didattici per le scuole e programmi di sensibilizzazione, sia con incontri in presenza, sia attraverso piattaforme digitali.

  • In Ungheria, per esempio, abbiamo collaborato con la scuola elementare Pais Dezső per creare una nuova aula ecologica.
  • Nei Paesi Bassi, abbiamo sviluppato un pacchetto educativo che prevede la partecipazione di quasi 200.000 alunni olandesi all’economia circolare ogni anno.
  • In Romania, abbiamo progettato e realizzato un programma educativo per oltre 200 bambini dai 6 ai 10 anni per insegnare loro la sostenibilità e l’economia circolare, con l’obiettivo a lungo termine di aiutare a migliorare i tassi di riciclaggio del paese, attualmente sotto la media.
Un’aula ecologica dotata di un sistema di raccolta dell’acqua piovana, pannelli solari, un orto biologico e una compostiera. Uno spazio per ispirare la didattica e stimolare la consapevolezza ambientale.
Un’aula ecologica dotata di un sistema di raccolta dell’acqua piovana, pannelli solari, un orto biologico e una compostiera. Uno spazio per ispirare la didattica e stimolare la consapevolezza ambientale.

Ci stiamo impegnando con le nostre comunità locali

Siamo operativi in oltre 300 sedi in tutto il mondo e ci teniamo a sostenere le comunità locali a cui apparteniamo.

Tutti i nostri dipendenti svolgono un ruolo fondamentale nel mantenere gli impegni che abbiamo preso nella nostra strategia di sostenibilità “Per il presente. E per il Futuro”. Negli ultimi 12 mesi, 166 delle nostre sedi si sono impegnate con le loro comunità in attività che vanno dalle gite scolastiche alla raccolta dei rifiuti, che si svolge più o meno a giorni alterni nei nostri stabilimenti in tutto il mondo.

Un progetto di piantumazione e biodiversità a Porto, in Portogallo.
Un progetto di piantumazione e biodiversità a Porto, in Portogallo.

Il futuro è collaborativo. Il futuro è circolare

La sfida di realizzare l’economia circolare richiederà un impegno concreto a lavorare in collaborazione, proprio come il nostro ecosistema. Non è un caso, quindi, che "Working together to deliver" sia uno dei quattro pilastri della Conferenza ONU sui cambiamenti climatici 2021 (COP26), che sottolinea anche l’importanza della collaborazione tra governi, imprese e società civile per raccogliere la sfida della crisi climatica.

Che tu sia un cliente o un fornitore, cominciamo a parlare del ruolo che puoi svolgere nel nostro ecosistema. In questo modo potremo realizzare insieme la transizione all’economia circolare.